Gai Mattiolo

Gai Mattiolo è nato a Roma nel 1968 ; nonostante non abbia mai frequentato nessuna scuola specifica, è sempre stato un appassionato di moda, fin da quando era molto giovane.
Nel 1987 , ha presentato a Milano la sua prima collezione di prêt -à- Porter.

L’ immagine ironica , colorata e concreta di questa collezione , composta ddi abiti sofisticati , ebbe molto successo e rappresenta ancora oggi uno specchio della sua creatività .
E ‘stato definito ” enfant prodige della moda italiana ” .
Gai Mattiolo è sempre stato molto sensibile ai dettagli, famoso per una ricerca spasmodica di bottoni , che diventano un elemento chiave del suo stile . Anticonvenzionale, Gai seduce la donna con la sua capacità di utilizzare cristalli Swarovski, pietre preziose e la sua eccentricità brillante.
Il riconoscimento più alto arriva nel 96, anno in cui Gai realizza quattro casule, preziosi paramenti sacerdotali, per il Santo Padre e durante un’udienza privata, il 23 Dicembre come regalo più bello nel giorno del suo compleanno ha l’onore di donargliele.
Gai Mattiolo è il primo e per il momento l’unico ad aver realizzato abiti sacerdotali per il Pontefice.
Abiti realizzati con fili di platino , migliaia di palle d’oro e la famosissima ” giacca da 1 milione di dollari ” con smeraldi, rubini e diamanti , che è stato indossato da Naomi Campbell e fa parte del ” Guinness dei primati ” per il suo costo e la sua unicità.

Letto 885 volte

Partners

Get Adobe Flash player

Get Adobe Flash player

Media

Get Adobe Flash player

Get Adobe Flash player

Sponsor Tecnico

Get Adobe Flash player

Get Adobe Flash player

Advertisement

Get Adobe Flash player

Get Adobe Flash player

Copyright © 2017 Premio Moda. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.